Crea sito

Cali di Ferro

Giugno 2005 = Da alcune analisi (routine) di quel periodo, si evidenziava un pesante calo di Ferro e della Ferritina. L’ematologa ritenne utile una cura a base di ferro per via orale, sperando che non si trattasse di malassorbimento, come avviene per la Vitamina B12.
Mi sottopose ad un piccolo test. Feci l’analisi del sangue a digiuno, e il ferro nel sangue fu rilevato a 89ug/dl. Subito dopo presi una compressa di Ferrograd e dopo 2 ore rifeci il prelievo per capire quanto di quella pillola, avevo assorbito. Il risultato fu 104 ug/dl. Questa differenza di +15 ug/dl fece determinare alla Ematologa, che anche l’assorbimento è compromesso.

Mi prescrisse 7 flebo di ferro endovena da fare ogni 15gg. Alla fine di questa cura, i livelli furono riportati al livello normale. L’Ematologa mi ha invitato però ad accertamenti periodici mirati, perchè con la mia situazione gastrica, sarei andato incontro a valori che improvvisamente si distaccavano dai limiti previsti.

Settembre 2007 = Si è ripetuta l’analoga cosa avvenuta nel giugno 2005. In questo caso però delle 7 flebo prescritte ne furono somministrate soltanto 3, mentre le rimanenti sospese in quanto già alla terza, il valore della ferritina tornò alla normalità.

Luglio 2009 = Controllo della Ferritina (nella norma) e Ferro (nella norma ma in calo) durante analisi di routine (Pag. 1 – 2). Farò visionare i risultati al medico e, se ci saranno, seguiranno sviluppi in tal senso.

Dicembre 2009 = Nel contesto delle terapie in atto, anche questi problemi potrebbero subire delle migliorie, in quanto il medico è certo che tutto ruota al problema principale, cioè la continua infiammazione della mucosa gastrica.
Seguiranno eventuali sviluppi.

Novembre 2011 = Nel frattempo che il singhiozzo si è arrestato, ma continuo con la terapia in atto al 14/11/2011, ho effettuato la prevista visita gastroenterologica, presso un Professore specializzato in particolari malattie dell’apparato gastroenterico.

Il professore che ha raccolto tutte le informazioni utili sulla mia patologia e sulla mia minuziosa ricostruzione documentata e documentabile (non l’ho mai detto in questo mio diario, ma al momento ho realizzato 6 faldoni con tutti i referti dall’esordio ad oggi). Lui si è fatto una idea e ci ha solo spiegato lontanamente cosa per lui è accaduto e perchè nel mio caso c’è una compromissione neurologica seria (pregressa e attuale). Al momento dovrò effettuare circa 50 esami diagnostici, tra sangue ed altro. Mi ci vorranno alcune settimane per far tutto anche perchè alcune cose le hanno in scaletta per gennaio 2012.
La cosa più importante è che dallo studio medico sono andato via con le lacrime agli occhi, perchè oltre a me, oltre alla mia neurologa del Don Gnocchi, oggi anche questo professore è concorde nel dire che tutto ciò che venne fuori nel 2003 non giustifica più tutto il mio attuale stato. C’è una parte che sta andando comunque avanti, lentamente, ma va avanti: lui l’ha classificata come “l’AUTOIMMUNITÀ”.
Infatti lui mi ha fatto capire che Gastrite Cronica Atrofica è una cosa e c’è stata e non si riparerà mai più, ma quello che invece è tuttora attivo e che sta portando avanti la sua azione è la parola Autoimmune.
Al momento non voglio dire di più, per non illudere me ne tantomeno i lettori del sito, ma appena avrò le risposte e la diagnosi precisa ed aggiornata nonché aggiuntiva, se ci si riuscirà, allora spiegherò cosa pensa il professore.

Novembre 2011 = Effettuato uno dei tanti esami in corso prescritti dal nuovo gastroenterologo. L’Ecografia Addominale e Tiroidea.

Dicembre 2011 = Tornano i test fatti a inizio mese, ed il ferro rimane sul livello più basso (referto).

Febbraio 2016 = Fatto vari esami tra cui il ferro che rimane sul livello più basso (referto). Dovrà valutare il gastroenterologo nella prossima visita di luglio 2016.

Maggio 2016 = Rifatto esami (Ferro) e la sideremia risulta bassa, ma il gastroenterologo ha dato delle indicazioni in proposito nella visita del 30/06/2016 (link).

 

13/01/2018 – Analisi di verifica livello ferro e ferritina visto le precedenti, consigliate dall’Ematologo per valutare una nuova terapia marziale visto che per bocca non assorbo ferro (precedenti flebo di ferro 2005 e 2007). Emocromo, Ferritina e Ferro.

24/05/2018 – Analisi di verifica a 4 mesi, situazione ferro e visto che c’ero B12 e D. Dai referti si nota che il ferro ancora tiene bene, la Vitamina D è buona segno che l’assunzione di CP150 è una buona alternativa a Dibase usato in precedenza, la B12 invece è nei range, ma essendo misurata a 20gg dalla somministrazione intramuscolare, non è che sia così brillante. Referto 1 e 2

 

Leave a Reply