Crea sito

Positività Celiachia

A seguito della periodica Gastroscopia (Apr 2007 link al referto), sulla relativa biopsia, emerge una atrofizzazione dei villi intestinali. Il medico mi fa fare due analisi così da confermare la malattia celiaca.
Le due analisi [Pag. 1 – 2] sono negative (non sono celiaco) .
Il gastroenterologo mi spiega che potrebbe essere latente o silente, cioè c’è ma non si manifesta in modo evidente.
Si attendono delle nuove dopo le biopsie previste nel 2010.

Dicembre 2009 = Nel contesto delle terapie opoterapiche in atto, anche queste strane segnalazioni potrebbero non essere state del tutto casuali.

16 NOVEMBRE 2011 = Nel frattempo che il singhiozzo si è arrestato, ma continuo con la terapia in atto al 14/11/2011, ho effettuato la prevista visita gastroenterologica, presso un Professore specializzato in particolari malattie dell’apparato gastroenterico.
Il professore che ha raccolto tutte le informazioni utili sulla mia patologia e sulla mia minuziosa ricostruzione documentata e documentabile (non l’ho mai detto in questo mio diario, ma al momento ho realizzato 6 faldoni con tutti i referti dall’esordio ad oggi). Lui si è fatto una idea e ci ha solo spiegato lontanamente cosa per lui è accaduto e perchè nel mio caso c’è una compromissione neurologica seria (pregressa e attuale). Al momento dovrò effettuare circa 50 esami diagnostici, tra sangue ed altro. Mi ci vorranno alcune settimane per far tutto anche perchè alcune cose le hanno in scaletta per gennaio 2012.
La cosa più importante è che dallo studio medico sono andato via con le lacrime agli occhi, perchè oltre a me, oltre alla mia neurologa del Don Gnocchi, oggi anche questo professore è concorde nel dire che tutto ciò che venne fuori nel 2003 non giustifica più tutto il mio attuale stato. C’è una parte che sta andando comunque avanti, lentamente, ma va avanti: lui l’ha classificata come “l’AUTOIMMUNITÀ”.
Infatti lui mi ha fatto capire che Gastrite Cronica Atrofica è una cosa e c’è stata e non si riparerà mai più, ma quello che invece è tuttora attivo e che sta portando avanti la sua azione è la parola Autoimmune.
Al momento non voglio dire di più, per non illudere me ne tantomeno i lettori del sito, ma appena avrò le risposte e la diagnosi precisa ed aggiornata nonché aggiuntiva, se ci si riuscirà, allora spiegherò cosa pensa il professore.

28 NOVEMBRE 2011 = Effettuato uno dei tanti esami in corso prescritti dal nuovo gastroenterologo. L’Ecografia Addominale e Tiroidea. Sono state eseguite anche test per questi valori.

04 GENNAIO 2012 = Tornano gli aplotipi testati e risulta che risultano compatibili con la MALATTIA CELIACA si riapre questo capitolo. In attesa di valutazioni del medico che le ha prescritte. Referto.

15 MAGGIO 2012 = Tornano gli esisti istologici del campione prelevato durante l’ultima EGDS del 27/04/2012. Il referto sarà valutato dal Gastroenterologo prescrittore.

06 DICEMBRE 2012 = Parlato anche con il gastroenterologo che reputa alla base un problema generale del sistema immunitario che sta continuando la sua azione contro il sistema nervoso (e quindi muscolare). Leggi. Al momento comunque la Celiachia non è attiva, c’è solo una predisposizione del corpo.

26 NOVEMBRE 2014 = A seguito degli esami sulle feci, la Calprotectina dimostra una alta infiammazione del tratto intestinale, per il quale il Gastroenterologo sospetta una Gluten Sensitivity, una sensibilità al glutine. Quindi mi mette a dieta povera glutine per 2 mesi, dopodiché si reinseriranno gli alimenti con glutine.

Leave a Reply